Newsyblog

Quintessenza della Sicilia in un'Attrice. Intervista a Stella Egitto

 
Interessante !
3 ! 1 ?

Dici Stella e pensi a una notte stellata piena di desideri. Dici Egitto e pensi ad antiche piramidi e geroglifici misteriosi. Se invece questi due nomi li pronunci insieme, troverai un’attrice straordinaria: Stella Egitto. Scoprirai una storia Siciliana, una ragazza che a diciotto anni è andata via dalla sua Sicilia per scommettere tutto sulla passione e le capacità di un adolescente... Dare vita a un testo, aderire ai personaggi della drammaturgia studiata al liceo.

Da Messina a Roma, con l’obiettivo di trasformare la passione per il teatro in un lavoro fantastico, Stella si mette il sole della Sicilia in tasca e compie un salto immenso per inseguire i suoi sogni. La determinazione, la costanza e l’impegno, hanno fatto il resto. Oggi a quella diciottenne che studiava e sognava drammaturgia in riva allo stretto possiamo dire che ha fatto bene a provarci, perché la sua scommessa l’ha stravinta.

Ambasciatrice della Sicilia a Roma

Dopo aver letto l’intervista che Stella mi ha gentilmente concesso, penserai davvero che il suo dna sia stato decifrato e riscritto dalla terra del mito (con altre parole, è lei stessa a dire che la Sicilia fa parte del suo corredo genetico). L’origine della sua fascinazione è chiara: “Siciliana Sicilianissima di origini . Romana di adozione .” (così si presenta a chi visita la sua Pagina Facebook). L’origine del fascino esercitato da Stella Egitto, dicevo, non sta tanto nell’aver avuto il coraggio di guidare quella diciottenne e la sua scommessa nel grande salto da Messina a Roma, ma nell’aver avuto il coraggio di aprire la sua Sicilianità* al mondo, mischiandosi con ciò che il mondo le ha offerto di buono. In poche parole, ha contaminato e si è lasciata contaminare, come la sua terra che da sempre contamina ed è contaminata. Un arricchimento tanto grande da cambiarle la vita. La quintessenza della Sicilia… Questo è ciò che ho intuito dell’Attrice Stella Egitto. E dal momento che la Sicilia, e la sua antica capitale Siracusa, scorrono nel sangue anche a me, non potevo non farle un’intervista in chiave Newsyblog.

L’intervista a Stella Egitto si compone di 9 domande. Parliamo di Trinacria, del suo percorso dall'isola Sicula a Roma e di come poter mettere la cultura al servizio delle persone (anche grazie ai social media). Le ho chiesto pure di trasformarsi prima in gatto e dopo in ministro dei beni culturali (la trasformazione, ovviamente temporanea, è riuscita benissimo). In coda al post troverai la filmografia di Stella Egitto, il suo video ShowReel 2013 e altri contenuti video grazie ai quali potrai saggiare una piccola parte delle sue qualità artistiche: il suo talento di Attrice in pillole.

Ok ok, ora mi tolgo dai piedi e ti lascio in sua compagnia… Buona lettura!


Intervista a Stella Egitto


Da Messina a Roma… Come hai fatto a trasformare la tua passione in lavoro?

Ho avuto il coraggio di provarci. E tra la passione e il lavoro ho attraversato una fase fondamentale: quella della formazione. Post liceo ho deciso di provare a formarmi come attrice alla prestigiosissima Accademia Nazionale d'Arte Drammatica Silvio D'Amico . Indimenticabili viaggi sui treni notte durante i diversi step di selezione, poi la notizia della scelta . Ho lasciato la Sicilia e ho cominciato la mia avventura nella Capitale : 3 anni intensissimi e pieni di incontri preziosi. Di fatto mi è cambiata la vita.


Ce l’avresti fatta anche se fossi rimasta nella tua città?

Non ce l'avrei fatta no. Ho scelto di puntare in alto, di provare a formarmi in una delle scuole a cui più ambivo e di provare ad affacciare il naso nell'ignoto. Messina non avrebbe potuto offrirmi le possibilità di questa vastissima Metropoli, che per fortuna mi ha accolta a braccia aperte al mio arrivo.


Quale rapporto hai con la tua Sicilia?

La Sicilia mi scorre nel sangue, è parte del mio corredo genetico. E la porto sempre con me, in ogni tappa del mio diario di bordo. La amo nella genuinità dei colori, nei profumi e nei sapori di cui permea tutto. Quanto mi rammarico per tutto quello che potrebbe offrire e che invece fanno sì che le manchi . La Sicilia è il mio mare, è la mia famiglia, è la casa di mamma con la porta sempre aperta qualunque cosa accada. È comprare frutta e verdura sulla riviera e fare colazione anche d'inverno con la granita. È accoglienza e sole, è il mio "disarmonico caos di forme belle" per citare Shakespeare . Oltre che per la mia famiglia mi capita spesso di tornarci per lavoro.


Trasformati in un gatto e osserva Stella Egitto nel suo lavoro e nella sua quotidianità. Come ti descriveresti?

Una mina vagante, puntualissima sul lavoro ma simpaticamente (spero!) caotica e iperattiva. Fondamentalmente sono molto affezionata alla mia frenesia e ai ritmi che di conseguenza ne scaturiscono ogni giorno. Adoro sentire l'energia nell'aria e amo stare in mezzo agli altri. Adoro allo stesso modo prendermi cura dei miei spazi "off" con lo yoga kundalini che con cura pratico da due anni: quello è il momento in cui distendo tutto, in cui lascio andare tutto, in cui il mio cuore si riposa, la mia testa si raffredda e la mia anima si mette in contatto con la natura . Questa pratica mi ridà la carica per cominciare la giornata successiva in piena luce .


Adesso sei Ministro dei Beni Culturali. Come porteresti il teatro e la cultura in periferia, nei contesti difficili?

Esiste già il teatro nelle periferie e nei contesti difficili. Esiste già la cultura, in un centro storico come in una periferia . La cultura è per tutti, dobbiamo solo facilitarne la conoscenza e l'accesso a chi ancora non ha avuto gli strumenti per scegliere di approfondirla . È una questione di sensibilizzazione e fruibilità . Nei cosiddetti contesti difficili occorrerebbe più che mai promuovere iniziative che prendano per mano la gente e che la educhino ad appassionarsi alle risorse che abbiamo. Più laboratori di formazione e più rappresentazioni, anche a costo simbolico, che permettano anche a chi è in difficoltà di potervi accedere. Cultura è scambio, teatro è relazione con l'altro. Questo più che mai farei, se fosse in mio potere .


Fra Teatro, Cinema e Tv, qual è il contenitore nel quale ti trovi più a tuo agio e quale ti sembra il più fertile per aiutare il pubblico a crescere?

Teatro, Cinema e Tv non sono solo contenitori, sono anche linguaggi. Ogni contenitore e linguaggio può contenere al suo interno qualità suprema o quantità di robaccia. Allo spettatore il sacrosanto diritto di scegliere di cosa cibarsi. Nessun contenitore ghettizza, sta a noi . Personalmente nasco da una formazione teatrale, l'amore per la scrittura mi ha spinto a scegliere di studiare il mestiere che queste parole le mette in vita . Trovo che andare a teatro a vedere uno spettacolo bello sia un’esperienza. Come è un’esperienza vedere un bel film al cinema che ti tocca il cuore. Come può allo stesso modo essere un’esperienza affezionarsi ad una lunga serialità televisiva .


Come stai disegnando il tuo futuro professionale?

Il mio futuro professionale lo disegno giorno per giorno con la passione, l'impegno e la costanza che investo .


Promuoviamo il film di Pif “In guerra per amore”. Quale personaggio interpreti, di cosa parla il film e quando potremo vederlo al cinema?

"In guerra per amore" è stata un'esperienza di set e di ruolo fantastica ed io sono emozionatissima . Pif è un regista magico e attento. Il 27 Ottobre uscirà in sala e non posso e non voglio anticiparvi molto, sennò poi vi rovino la sorpresa, non andate più al cinema a vederlo e io ci resto male. Scherzi a parte, il film è ambientato in una delicatissima Sicilia del 1943. Dallo sbarco degli americani in terra Sicula, alle origini della mafia e tante altre storie in questa cornice fantastica. Non perdetevelo al cinema per nessun motivo al mondo, mi raccomando.


Dal momento che utilizzi i social per promuoverti, dove possiamo seguire la tua carriera?

I social oggi sono mezzi di comunicazione potentissimi e mi diverte stare al loro passo, anche per promuovere la mia attività di attrice. Credo che se seguiti con gusto, cura e discrezione siano degli strumenti ad ampio raggio molto funzionali. Il web è una rete vastissima e come è vastissimo il mondo, vastissimi gli interessi, i collegamenti, gli stimoli . I social contengono e fanno circolare parti di tutto questo mondo. Personalmente su Facebook ho un profilo privato e una pagina pubblica che gestisco con cura, e un profilo Instagram dove posto sia suggestioni scattate per passione dai miei occhi, che immagini che mi ritraggono in prima persona .

Potete seguirmi lì .

Anzi potete fare anche qualcos'altro per me in questi giorni e fino al 24 Luglio. Vi richiede solo qualche secondo.
Sono candidata al Premio L'oreal Paris per il Cinema in collaborazione con la Mostra del Cinema di Venezia: un click sulla stellina accanto alla mia faccetta e il voto è dato . Votate votate votate!

Questo il link per votare : http://www.loreal-paris.it/makeup/gold-obsession-v...


Grazie dell'attenzione e mi raccomando: non smettete mai di volermi bene.


Guarda il video showreel di Stella Egitto



*Sicilianità: quell'insieme di caratteristiche tipiche dell’essere, prima di ogni altra cosa, Siciliano/Siciliana; caratteristiche tipiche di chi abita la Sicilia. Non a caso ho usato il termine “quintessenza”, poiché a volte il termine “Sicilianità” può essere inteso in senso negativo (es. incapacità di prendere in mano il proprio destino). Nel caso di Stella la Sicilianità è espressa, appunto, nella sua massima accezione positiva, cioè scevra dai difetti dell’essere Siciliano.


Articolo aggiornato a Ottobre 2016 con il trailer ufficiale del film "In guerra per amore" (vai alla mia chiave di lettura per scoprire meglio il messaggio di questo film) e altri contenuti riguardanti la carriera dell'Attrice Stella Egitto.


Trailer ufficiale del film "In guerra per amore"


Guarda la filmografia di Stella Egitto

In guerra per amore - Film di Pif (ambientato nella Sicilia della 2° guerra mondiale)

Io sono libero - Fiction tv di Giovanni Filippetto e Francesco Micciché (ispirata a Libero Grassi)

Romanzo Siciliano - Fiction tv di Lucio Pellegrini

Forse sono io 2 - Web comedy di Vincenzo Alfieri

Caseina - Cortometraggio di Luca Arseni

Premio per la migliore sceneggiatura - Cortometraggio di Alfio D'Agata

Gli anni spezzati - Fiction tv di Graziano Diana

I ragazzi di Pippo Fava - Fiction tv di Franza Di Rosa (ispirata a Pippo Fava)

Echoes - Cortometraggio di Andrea La Mendola

Ti stimo fratello - Film di Giovanni Vernia e Paolo Uzzi

Squadra antimafia 3 - Fiction tv di Beniamino Catena

Mia madre - Fiction tv di Ricky Tognazzi


Infine, Stella Egitto ha recitato anche in: "Questo nostro amore 70" (fiction tv con Anna Valle e Neri Marcorè); "Casa e bottega" (fiction tv con Renato Pozzetto e Nino Frassica); "Baciati dall'amore" (fiction tv con Giampaolo Morelli); "Sulla strada di casa" (film con Vinicio Marchioni); "Un altro mondo" (film di e con Silvio Muccino).


Guarda le pubblicità con protagonista Stella Egitto

Spot Pomellato - Follow your dreams (regia di Fabio Mollo)

Spot San Pellegrino - Meraviglia Italiana (regia di Fabrizio Mari)

Spot Nescafè - The nextdoor hello (regia di Alessandro Genovesi)


Photo credit: Giovanna Mangiù


Interessante !
3

 

Rispondi al Quiz

Chi è Stella Egitto?


  1. L’ultima discendente della Regina Egizia Cleopatra.
  2. Un’attrice Romana.
  3. La quintessenza della Sicilia in un’Attrice.
  4. Un’attrice d’origini Egiziane, pronipote dalla Regina Nefertiti.
  5. La nuova Stella di Broadway.

E tu che ne pensi?

Lascia un commento e partecipa alla conversazione su: