Newsyblog

4 Consigli per scegliere il tone of voice del tuo blog

20|lug|2016
 
Interessante !
0 ! 0 ?

Ti sei mai soffermato a pensare a quanto siano importanti in una conversazione il tone of voice (il tono di voce) e il registro? E se lo sono in una conversazione faccia a faccia, questi due elementi diventano fattori fondamentali nel tuo blog!

Già, perché se nella conversazione hai la possibilità di aiutarti con il linguaggio del corpo per spiegare un concetto (e noi italiani siamo maestri in questo), nel blog il messaggio arriva al tuo lettore come un freddo insieme di lettere su uno schermo: starà a te mediare tra le tue intenzioni e le aspettative e le interpretazioni del lettore.

Blogging: perché è così importante il tone of voice?

Se vuoi fare blogging è perché hai qualcosa da dire o da raccontare, ma per avere successo devi assicurarti che:

a) il messaggio arrivi;

b) il messaggio arrivi come vuoi tu.

Semplice? Più o meno.

ricordi il gioco del telefono senza fili: il primo diceva “casa” e l’ultimo, inspiegabilmente, capiva “cavallo”.

Quello era un gioco per bambini che spesso finiva con una merenda tutti insieme, mentre sul tuo blog non puoi permetterti che quello che scrivi non venga capito.

Impostare il giusto tone of voice, poi, ti aiuterà tantissimo nella fidelizzazione dei lettori, che sia esso confidenziale, formale o accademico. Quello che importa è che tu ne scelga uno in base al tuo target, così da mettere a proprio agio chiunque atterri sul tuo blog.

Qual è il tono da tenere sul tuo blog?

Una ricetta universale non esiste, ma ci sono alcune azioni che possono aiutarti a scegliere quale sarà il tone of voice che dovrai/vorrai tenere nel tuo spazio. Ho usato il futuro per il semplice motivo che, come la scelta del target, anche quella del tono deve essere fatta prima di cominciare a scrivere per evitare di confondere i lettori. Per fare questo, a meno che tu non abbia già le idee molto chiare, puoi cominciare a mettere dei paletti per delimitare il campo. Prendi un foglio di carta, dividilo in quattro e segna le risposte: quando avrai finito troverai il tono giusto!

Il primo fattore da prendere in considerazione sei tu! Con quale tono ti trovi più a tuo agio? Se più vicino a un romanziere o a un giornalista vecchio stile?

Il secondo paletto, da combinare con il primo, è rappresentato dall’argomento del tuo blog. Anche se nulla ti vieta di provare e sperimentare qualcosa di diverso, esistono argomenti e blog che si prestano di più a un tono confidenziale e diretto, mentre altri, invece, che richiedono il fermarsi a una descrizione oggettiva. Hai presente la differenza tra un blog-diario e un blog in cui si possono trovare informazioni su come configurare uno smartphone?

Dopo aver risposto a queste due domande ecco il terzo consiglio: dai un’occhiata agli altri blogger del tuo settore, ovvero ai tuoi concorrenti. Come scrivono? In che modo si approcciano al lettore? Come interagiscono nei commenti? No, in questo punto non ti sto dicendo di copiare, anche perché se vuoi che il tuo blog funzioni devi essere originale. Quello che sto dicendo è di dare semplicemente un’occhiata.

Infine, quarto e ultimo consiglio, dopo aver fatto tutto questo è bene che ti concentri sul tuo target. La scelta del tono da adottare, infatti, dipende anche e in buona parte da tipo di lettore medio che vuoi attirare sul sito. Insieme al primo consiglio, cioè quello di capire con quale tono di voce ti trovi più a tuo agio, regolarsi in base al target di riferimento è forse l’azione più importante.

In questo modo sarà più facile arrivare alla decisione su quale sia il tone of voice che vorrai tenere sul tuo blog per poter far arrivare il messaggio ai tuoi lettori e, soprattutto, farlo arrivare come vuoi tu. Se non sai da dove partire, i quattro punti che ti ho elencato sopra possono davvero tornarti utili.


Interessante !
0

 

Rispondi al Sondaggio

Come scegli il tono di voce del tuo blog?


  1. Guardo quello che fanno i miei concorrenti
  2. Il blog è il mio spazio, quindi decido in autonomia
  3. Cerco un tono che piaccia ai miei lettori e che possa appartenermi
  4. Dipende dall'argomento del blog

E tu che ne pensi?

Lascia un commento e partecipa alla conversazione su:

Approfondisci l'argomento