Newsyblog

Blog e ristorazione: perché è un binomio vincente?

27|lug|2016
 
Interessante !
0 ! 0 ?

Dovresti pensare di aprire un blog per il tuo ristorante, dico davvero. No, non bastano le pubblicità sui giornali e il passaparola positivo, così come non può bastarti qualche bella recensione su Trip Advisor e soprattutto NON devi cedere alla tentazione di comprare recensioni positive per il settore ristorazione, come ti spiego in questo articolo sul mio blog.

Un blog ti serve. E non ti serve solo perché è uno strumento proprietario che ti permette di gestire in autonomia i contenuti, ma anche (e soprattutto) perché può aiutarti a raccontare in modo più completo il tuo ristorante.


Raccontare il food attraverso un blog

Il tuo ristorante non è solo un luogo in cui mangiare qualcosa, esattamente come i piatti che servite non sono solo un insieme di ingredienti assemblati meccanicamente dallo chef. No, il ristorante è composto dal locale, dal personale, dal menù e dalla carta dei vini, dalla passione e dall’amore del titolare, dello chef e del suo team, dalla creatività, dagli ingredienti…


… mille e mille sfaccettature che distinguono un locale da un altro.


Raccontare il food attraverso un blog significa proprio questo: rendere percepibile quello che non è subito visibile. Un blog ti serve a dare di più, ad anticipare l’atmosfera del tuo ristorante, a mostrare la differenza. Serve a raccontare TUTTO quello che ti sta a cuore.


Come raccontare il tuo ristorante con un blog

“Sì, ma in che modo posso sfruttare il blog per guadagnare di più?”

La scelta di come utilizzare il blog e di cosa inserire nel piano editoriale dipende solo da te e dalle caratteristiche della tua struttura. Quello che voglio fare oggi è offrirti qualche spunto, poi dovrai essere tu a orientare il tuo blog e la strategia di comunicazione in base alle tue caratteristiche e ai tuoi obiettivi.


Racconta la tua passione

Prendi un foglio di carta e scrivi in maniera oggettiva i tuoi punti di forza. Fatto? Bene! Adesso, per ognuno di questi devi trovare il motivo per cui li consideri tali.


“Spero tu non abbia bisogno di chiamare Cannavacciuolo e la redazione di Cucine da Incubo per capire i tuoi pregi e i tuoi difetti”

Nella tua strategia di comunicazione puoi anche parlare di quello che succede dietro le quinte, spiegare perché scegli determinate materie prime, raccontare la storia dei tuoi piatti… sbizzarrisciti!

Devi solo saper inserire la tua creatività in una strategia che ti porti da qualche parte e che evidenzi i lati positivi ed emozionali mettendo in ombra i tuoi punti deboli.


Offri semplici consigli

Un altro modo per sfruttare il blog aziendale è quello di offrire qualcosa in più rispetto al “semplice cibo” del tuo ristorante. Perché non chiedi al tuo chef di dare qualche consiglio ai tuoi lettori? Sfrutta la crescente popolarità del settore food per costruire uno spazio dove lo chef spiega ai lettori come realizzare un piatto per fare bella figura quando vengono a cena i suoceri (o gli amici). Il settore della ristorazione è arrivato a un punto in cui per fare la differenza devi dare di più: le persone non entreranno solo perché hanno fame e si trovano davanti al tuo locale. Non tutte, almeno.


A corto di idee? Coinvolgi i food blogger!

Pensi di non saper raccontare in maniera efficace quello che fai? Fatichi a trovare i tuoi punti di forza? Pensi che tutto questo non ti porterà da nessuna parte? Il mio consiglio quello di contattare qualche food blogger, quindi parlare con lui/lei del tuo progetto a chi lo fa per lavoro o per passione (ti consiglio di cercare qualcuno di “navigato”).


Inoltre, perché non organizzi nel tuo locale una sfida a colpi di ricette tra food blogger emergenti o non realizzi un piatto insieme a loro?


Interessante !
0

 

Rispondi al Sondaggio

Apriresti un blog per il tuo ristorante?


  1. Sì, perché è uno strumento per promuoversi
  2. Forse sì, ma non ho capito come potrebbe essermi utile
  3. No, non credo possa servirmi
  4. Ce l’ho già
  5. Non lo so, non ci ho mai pensato seriamente (forse per paura)

E tu che ne pensi?

Lascia un commento e partecipa alla conversazione su:

Approfondisci l'argomento