Newsyblog

Personal branding: scegli il social adatto a te!

 
Interessante !
0 ! 0 ?

In un recente blog post ti dicevo che per promuovere te stesso su i social devi fare una scelta, dato che utilizzare bene e in maniera proficua tutti i social esistenti è praticamente impossibile. Facebook, Twitter, Instagram, LinkedIn e gli altri sono tutti ottimi strumenti e quello che devi fare è solo capire quale sia quello che fa al caso tuo e trasformarlo in una reale risorsa di business.

Scegli il social ed elabora una strategia

Come ho già avuto modo di dirti in precedenza il miglior modo per promuovere quello che sei e quello che fai è senza dubbio aprire un blog, anche solo perché si tratta di uno spazio tuo che puoi gestire come vuoi e plasmare a tua immagine e somiglianza. Certo lo sforzo per curare e mantenere aggiornato un blog è notevole, ma non per forza devi avere un sito-blog proprietario: conoscendo potenzialità e rischi delle diverse soluzioni sceglierai ciò che è più adatto a te (oggi ci sono molte alternative valide al classico Wordpress). Anche per questo, in alternativa (o in aggiunta), non sottovalutare le possibilità offerte dai social, ma ricorda che, come per il blog, è necessario che tu abbia le idee chiare su quale sia la direzione da prendere e, soprattutto, su quale sia il social adatto al tuo scopo.

Facebook

Di Facebook abbiamo già parlato in questo articolo dedicato al personal branding tramite profilo personale e in questo blogpost sull’importanza di gestire le interazioni, ma ovviamente c’è di più.

Per le aziende le pagine Facebook rappresentano senza dubbio il luogo migliore in cui fare digital marketing, così come esse possono rappresentare un’ottima soluzione anche per i liberi professionisti. Tutto questo, però, a patto che tu abbia un certo budget da spendere: l’aumento esponenziale del numero delle Pagine, la parallela crescita del numero di investitori e soprattutto i costanti cambi di algoritmo di Mr. Facebook hanno reso sempre più importante avere a disposizione un buon budget (da saper investire).

Se vuoi aprire una pagina legata alla tua attività devi quindi analizzare costi e benefici della tua scelta.

LinkedIn

Grazie alla sua struttura e alla sua identità, LinkedIn è IL social professionale per eccellenza, anche se in Italia viene spesso utilizzato nella maniera sbagliata. Sono ancora molti, infatti, quelli che aggiungono alla loro rete professionale persone che non conoscono e contatti inutili, così come l’abitudine di molti di utilizzarlo “part-time” e la conferma di competenze da parte di amici e parenti ne evidenziano altri limiti (per non parlare di chi con LinkedIn cerca di rimorchiare).

Malgrado alcuni problemi, però, LinkedIn mostra notevoli vantaggi, come ad esempio il fatto di essere in un ambiente in cui la maggior parte degli utenti è mentalmente predisposto a parlare di lavoro e LinkedIn Pulse.

Questo in particolare è un vero e proprio blog interno alla piattaforma e se sfruttato bene puoi aiutarti ad aumentare la tua autorevolezza e rafforzare la tua immagine…

…in un ambiente di professionisti!

Parlando di LinkedIn, il mio consiglio principale è quello di non limitarti a utilizzarlo in maniera saltuaria e discontinua. Se vuoi utilizzare un social per fare personal branding, e vuoi ottenere risultati, ti devi impegnare.

Twitter

Sapevi che si può fare personal branding in 140 caratteri? Twitter ti offre la possibilità di seguire e interagire con gli esperti e le personalità del tuo settore, oltre a poter esprimere idee, pareri e opinioni che possono potenzialmente raggiungere milioni di persone.

Stai attento, però, a non “forzare” le conversazioni con Tweetstar e “guru” del settore: interagisci con loro SOLO se hai qualcosa di sensato e utile da dire.

In ogni caso, per amplificare i vantaggi di Twitter ti consiglio di aprire un blog e sfruttare questo social per ottenere traffico. Se in 140 caratteri puoi solleticare la curiosità, aggiungendo un link al tuo blog post suggerirai di approfondire il tuo pensiero.

Riassumendo...

Fare personal branding con i social network è sicuramente un’operazione importante e utile, anche se certamente faticosa. I risultati non arrivano subito e spesso per cercare di accorciare i tempi si finge di essere qualcuno che non si è, o di avere capacità che non si possiedono. Detto questo, se hai capito l’importanza di promuovere te stesso attraverso i social e il web, non ti resta che scegliere quale sarà il tuo campo di battaglia, ovvero il luogo in cui concentrerai tutte le tue energie 2.0.

I social hanno diverse dinamiche e target di pubblico: starà a te (magari facendoti aiutare da un consulente) decidere in quale campo giocare. A te la palla e buona partita!


Interessante !
0

 

Rispondi al Sondaggio

Quale social preferisci per fare personal branding?


  1. Facebook
  2. Twitter
  3. LinkedIn
  4. Instagram
  5. Altro

E tu che ne pensi?

Lascia un commento e partecipa alla conversazione su:

Approfondisci l'argomento