Newsyblog

Come si aggiorna un social media manager?

 
Interessante !
0 ! 0 ?

Siete social media manager o vorreste esserlo? State cercando disperatamente un buon libro con cui aggiornarvi?

Un libro serve, come un buon corso, per dare una panoramica più completa possibile del tema, degli strumenti e una infarinata di esperienza dell'autore. Purtroppo però è proprio a causa del tema, che questi libri sono incapaci di stare al passo. Se non sarà Facebook, saranno Twitter, Instagram, Snapchat, LinkedIn o altri social a cambiare da un giorno all'altro, e un libro difficilmente potrà fare una nuova versione ogni mese.

La soluzione? Ce l'avete davanti: blog di settore, aggregatori di notizie e social network, saranno le vostre riviste specialistiche sempre aggiornate, ricche di consigli esperienze e casi studio.


Blog di settore

Sono in italiano, sono numerosissimi e spesso affrontano gli aspetti più tecnici con un mare di articoli in grado di saziare la vostra sete di conoscenza con un semplice sguardo.

La fortuna di questi blog consiste nel saper rispondere alle esigenze specifiche dei lettori, magari bloccati su una nuova funzione di Facebook o sulla necessità di un nuovo tool per programmare i tweet.

Siccome molti aspetti tecnici dei social restano top secret (gli algoritmi ad esempio), troverete numerosi test, discussioni e casi studio, utilissimi per evitare errori e sperimentare a vostra volta.

Come trovare questi blog? Cercando su Google e nei motori di ricerca interni ai social network l'argomento di vostro interesse e gli influencer di quel campo.

Se avrete voglia di leggere anche qualche articolo in inglese, vi consiglio i blog ufficiali dei vari social network, molto utili per avere le anteprime di oltre oceano e notizie di prima mano, non legate a voci di corridoio.


Aggregatori di notizie

Parliamo di blog che raccolgono news e articoli, come Newsyblog e dei Feed Reader, software di lettura dei Feed RSS, con cui sarete in grado di riunire in un’unica pagina tutte le notizie provenienti dai vostri siti preferiti.

I blog che aggregano articoli svolgono per noi il lavoro di ricerca di scrittori qualificati e ci offrono direttamente una fonte affidabile di approfondimento, come i blog di settore, ma con molta più scelta di temi e autori.

I Feed Reader, lasciano a noi il lavoro sporco di ricerca delle fonti, ma ripagano in personalizzazione del servizio, offrendoci tutti gli autori inseriti in un'unica bacheca.

Io personalmente uso sia i blog, sia Digg Reader, un ottimo lettore di Feed.


Social Network

Oltre a rilassarci, condividere gattini e sbirciare i fatti degli altri, sui social possiamo anche aggiornarci e interagire con gli esperti.

Su Facebook potrete seguire i profili pubblici di influencer del vostro settore, le Pagine di blog e riviste, ma non sottovalutate i gruppi legati alla vostra professione, utilissimi per confrontarvi con altri colleghi sulle ultime novità, o anche solo seguire le discussioni come dei buoni lurker. Si impara anche così.

LinkedIn ha gruppi altrettanto utili, ricchissimi di professionisti, in cui non sarà fuori luogo chiedere pareri lavorativi. Anche su Pulse iniziano a vedersi riflessioni interessanti e articoli di valore, non escludetelo dalla vostra dieta di notizie.

Twitter però ha una marcia in più a mio parere: le liste.

Potrete iscrivervi a liste pubbliche, in cui sono riuniti i maggiori esperti nazionali e internazionali di Social Media Marketing o qualsiasi altro tema, utili non solo per gli aggiornamenti in diretta, ma anche per scoprire i profili più attivi, spesso sconosciuti a chi è appena entrato in questo mondo.

Potrete anche creare delle liste personali, fondamentali per non perdere di vista i tweet dei vostri contatti preferiti in una timeline confusa.

Ovviamente anche la possibilità di seguire le discussioni tramite hashtag è utile per aggiornarsi in diretta, interagire e confrontarvi su un tema specifico.

Capitolo a parte per i tutorial video, diffusi su YouTube e ormai anche su Facebook, che con i Live offre anche la possibilità di scrivere in diretta agli autori.

Alcuni tutorial con brevi video e infografiche sono disponibili anche su Instagram, ma uno dei social più quotati per le infografiche è Pinterest. Oggi è poco frequentato in Italia, ma offre l'utilissima possibilità di creare bacheche di immagini ordinate per ciascun tema di vostro interesse.


Oltre a questi strumenti, se volete anche un attestato per il vostro aggiornamento, non sono da escludere i corsi in presenza o i webinar, sempre un buon investimento anche dopo anni che si esercita la professione, e non dimenticate mai gli eventi: occasione per imparare e fare un po' di sano networking, ma questa è un'altra storia.


Interessante !
0

 

Rispondi al Sondaggio

Tu come preferisci aggiornarti?


  1. Blog di settore
  2. Aggregatori di notizie
  3. Social network
  4. Corsi e webinar

E tu che ne pensi?

Lascia un commento e partecipa alla conversazione su:

Approfondisci l'argomento